Zecchino d'Oro

Avvertenza per le pagine tratte da Wikipedia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Vai a: Navigazione, cerca

Lo Zecchino d'Oro è una rassegna canora internazionale di musica per bambini dalla quale è tratto un omonimo programma televisivo.

È considerato un evento che pian piano è divenuto fatto di costume e patrimonio culturale delle generazioni nate a partire dagli anni Sessanta.

Indice

[nascondi]

[modifica] Nascita e scopi dello Zecchino d'Oro

L'intuizione e l'idea di uno spettacolo per bambini che promuovesse musica a loro dedicata, fu di Cino Tortorella nel 1959.

Il progetto fu sviluppato in occasione del "Salone del Bambino", in quell'anno tenutosi a Milano. La canzone "Lettera a Pinocchio", ha conosciuto una straordinaria fortuna ed è memorabilmente interpretata da Johnny Dorelli.

Tortorella, che già interpretava il ruolo del Mago Zurlì nel programma "Zurlì, il mago del giovedì", strutturò la prima edizione come successione di momenti rievocativi (con qualche libera interpretazione) della favola di Pinocchio, sino al momento in cui in scena si faceva rivivere la nascita dell'albero degli zecchini d'oro, da cui il nome.

La rassegna doveva favorire la creazione di canzoni per bambini, cioè stimolare l'impegno dei compositori a realizzare opere destinate al mondo dell'infanzia.

I ben notevoli risvolti economici della manifestazione sono ovviamente stornati verso finalità di solidarietà.

[modifica] Le tappe fondamentali

[modifica] Personaggi

Tra i personaggi passati alla storia grazie a questa fortunata manifestazione/trasmissione televisiva, si ricordano il pupazzo Topo Gigio (sostituito da Geronimo Stilton durante il 47° Zecchino d'Oro) e il presentatore storico, Cino Tortorella, che nelle prime edizioni si presentava nelle vesti di Mago Zurlì oltre alla scomparsa Mariele Ventre, la cui morte (il 16 dicembre 1995, pochi giorni dopo la conclusione del 38° Zecchino d'Oro) fu percepita con diffusissima partecipazione generale. A dirigere il Piccolo Coro ora c'è Sabrina Simoni.

[modifica] Piccoli cantanti

Tra i piccoli partecipanti allo Zecchino d'Oro si ricorda nel 1968, con il famoso Il valzer del moscerino, la cantante Cristina D'Avena che deve la sua fama attuale alle numerose sigle di cartoni animati successivamente da lei cantate in età (e con voce) più adulta.

Nel 1967 la canzone Popoff portò alla ribalta il piccolo interprete, Walter Brugiolo che divenne personaggio popolarissimo, partecipando come protagonista a diverse pubblicità (e quindi allora al noto programma Carosello) e recitando da comprimario in tre films; Zum zum zum n.2, del 1969, Il suo nome è Donna Rosa dello stesso anno, e Mezzanotte d'amore del 1970.

[modifica] Canzoni celebri


Zecchino d'Oro
1959 | 1960 | 1961 | 1962 | 1963 | 1964 | 1965 | 1966 | 1967 | 1968 | 1969 | 1970 | 1971 | 1972 | 1973 | 1974 | 1975 | 1976 | 1976 (2) | 1977 | 1978 | 1979 | 1980 | 1981 | 1982 | 1983 | 1984 | 1985 | 1986 | 1987 | 1988 | 1989 | 1990 | 1991 | 1992 | 1993 | 1994 | 1995 | 1996 | 1997 | 1998 | 1999 | 2000 | 2001 | 2002 | 2003 | 2004 | 2005 | 2006 | 2007

[modifica] Albo d'Oro

[modifica] Collegamenti esterni

Musica | Storia della musica | Cronologia della musica | Glossario musicale | Voci nella categoria musica
Progetto Musica

Teoria - Tecniche - Strumenti - Musicisti - Compositori - Librettisti - Direttori - Generi - Gruppi - Cantanti - Opere liriche e musicali - Canzoni - Album - Festival - Premi

Collabora al progetto musica | Visita l'auditorium | Accedi al portale della musica


Questa voce dovrà essere rivista e aggiornata nel mese di novembre del 2007.
Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Zecchino_d%27Oro"