Telelombardia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Avvertenza per le pagine tratte da Wikipedia

Telelombardia è una televisione regionale della Lombardia con sede a Milano in via Colico, 36, nel quartiere della Bovisa (parte nord della città).

Secondo i dati Auditel, è la televisione regionale più seguita in Italia.

Nata nel 1974, in tempi quindi decisamente pionieristici per la TV specialmente commerciale, ha sempre cercato di proporre una programmazione "vicina" al cittadino lombardo.

L'attuale amministratore delegato è Raffaele Besso, editore è l'architetto Sandro Parenzo, recentemente nominato assessore alla cultura del comune di Venezia.

Da qualche anno Telelombardia ha assorbito altre due reti locali, Canale 6 e, dal 2004, anche Antenna 3, storica emittente lombarda, tant'è vero che alcuni personaggi appaiono indifferentemente su più di uno dei suddetti canali.

Nel corso degli anni '90, grazie a programmi come Buongiorno Lombardia, Tuttun'altramusica, Telelombardia aveva superato Antenna 3, storica rivale. Nel 2004 l'editore Sandro Parenzo acquisisce anche Antenna 3 che diventano pertanto gemelle .[1].


Attualmente la programmazione spazia tra l'attualità vicina ai cittadini (Buongiorno Lombardia), attualità politica (Iceberg, Prima serata), le nuove tecnologie (Netcafé), viaggi (TL & Viaggi), programmi per anziani (Tutta un'altra musica) e così via.

Indice

[nascondi]

  Qui Studio a Voi Stadio

Ad ogni modo, il calcio è la maggiore "fonte attrattiva" per gli spettatori di Telelombardia: non a caso la trasmissione "ammiraglia" è tutt'ora Qui Studio a Voi Stadio (QSVS), nata nel 1987 con la conduzione di Tony Damascelli. Il programma non fa altro che seguire minuto per minuto le partite di campionato (e ormai da anni anche delle Coppe Europee), utilizzando anche diversi inviati sui campi. Si è trattato del primo esperimento di questo tipo in televisione, esperimento strariuscito data l'enorme diffusione di questo tipo di programmi nelle varie reti nazionali e locali. Al momento la trasmissione è condotta dal giornalista milanese Fabio Ravezzani, che ricopre anche il ruolo di direttore della redazione sportiva.

QSVS ha contribuito, prima trasmissione fra tutte, alla costruzione dell'immagine del "giornalista tifoso", che non deve nascondere la squadra per cui fa il tifo e, anzi, deve sostenerla senza remore.

Tra i personaggi che hanno dato lustro a Telelombardia in campo non sportivo possiamo trovare Daniele Vimercati, prematuramente scomparso, Milo Infante oggi giornalista Rai, il "ribelle" Roberto Poletti e Gianni Rivera (ha condotto Prima serata).

In ambito musicale, va sottolineato lo spazio dato dall'emittente alle canzoni popolari milanesi e lombarde, con gruppi come "i Cantamilano" e "Gli Stramilano".

In campo calcistico, oltre al già citato Tony Damascelli, troviamo anche Michele Plastino e Giorgio Micheletti, anch'essi ex conduttori di QSVS. Tra i "giornalisti tifosi" già citati, per quanto riguarda il Milan in passato figure di riferimento sono state Carlo Pellegatti (ora a Mediaset) e Mauro Suma (ora direttore di Milan Channel e responsabile del sito del Milan).

Oggi i giornalisti tifosi "titolari" sono Tiziano Crudeli per quanto riguarda il Milan e Gian Luca Rossi per quanto riguarda l'Inter. Quest'ultimo è il personaggio più longevo di QSVS, facendo lui parte di Telelombardia dal lontano 1988.

Dal 2006 il canale è disponibile anche via satellite sul canale 901 di SKY, permettendo così la ricezione in tutta Italia e anche in buona parte del resto d'Europa. Da giugno dello stesso anno il canale è disponibile in digitale, coprendo buona parte del territorio nazionale, sulla piattaforma televisiva di Fastweb.

Dal 2007 Tiziano Crudeli ed Elio Corno, ospiti fissi e volti noti della rete, sono passati ad Italia 7 Gold, causando un intenso duello verbale tra i due opinionisti e Fabio Ravezzani, direttore sport Telelombardia.

  Riferimenti

  1. La tv del sommerso, Aldo Grasso pag. 43

  Bibliografia

  Collegamenti esterni