Rai Uno

Avvertenza per le pagine tratte da Wikipedia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Rai Uno
Anno di lancio: 3 gennaio 1954
Anno di chiusura:
Share di ascolti: 24,23% (prima serata ottobre 2006 [1])
Posseduto da: RAI
Nomi precedenti: Programma Nazionale (fino al 1975), Rete 1 (fino al 1982)
Sostituisce:
Canali gemellati:
Servizio di differita:
Indirizzo web: www.raiuno.rai.it
Diffusione
Terrestre
Analogico PAL B VHF, in Italia
Digitale DVB-T (sul RAI Mux A), in Italia
Satellitare
Analogico Non disponibile
Digitale DVB-S (alcuni eventi criptati in Mediaguard/Videoguard) su Hotbird e Astra. Nota: quando il canale è codificato, solo su Hotbird è effettivamente trasmesso come tale, mentre su Astra viene trasmesso uno schermo bianco
Via cavo
Digitale IPTV (su TV di FASTWEB), in Italia
Digitale IPTV (su Alice Home TV)


Via rete cellulare
Digitale DVB-H (su La 3 TV), in Italia
Streaming web

Raiuno è la prima rete della RAI. Il canale, nato con il nome di Programma Nazionale e ribattezzata Rete 1 in seguito alla legge di riforma del 1975, ha assunto questo nome nel 1982. Si propone come emittente generalista, rivolta cioè a tutte le fasce di pubblico, sebbene sia sempre influenzata da un certo controllo politico.
Alla fine degli anni Novanta, con la specializzazione delle reti RAI che ha orientato Raidue a un pubblico più giovanile e Raitre a un'offerta di servizio pubblico, Raiuno ha rafforzato il proprio ruolo di rete ammiraglia RAI (in concorrenza con Canale 5) ed è attualmente la rete televisiva italiana con gli ascolti più elevati.

Indice

[nascondi]

 Direttori di Raiuno

 Programmi

 Trasmissioni storiche

 News e Informazione

 Show

 Reality Show

 Quiz

 Fiction Italiane

 Telefilm

 Soap Opera

 Sit-com

 Per bambini

 

 Sport

La Rai affida a Rai Uno la messa in onda di soli 2 eventi sportivi, calcio e Formula 1. Fino al 1997 su questa rete sono andate in onda tutte le partite della Nazionale di calcio italiana (in quell'anno Telemontecarlo si aggiudicò l'esclusiva della partita Inghilterra-Italia), comprese le partite della nazionale al trofeo Mundialito del 1981, nonostante in quell'occasione Canale 5 fosse divenuta, a sorpresa, titolare dei diritti; tuttora vanno in diretta (la Under 21 va in onda sulle altre reti Rai).

Il primo canale pubblico ha sempre trasmesso le partite di cartello dei grandi eventi calcistici come (Mondiali ed Europei). Ma nel 2006, per la prima volta in assoluto, non ha trasmesso i Mondiali interamente, ma solo la partita inaugurale, una partita al giorno del primo turno, quattro partite degli ottavi di finale, due partite dei quarti di finale, oltre alle semifinali e alla finale, per un totale di 25 partite (tutte le partite le ha trasmesse SKY Italia). L'ente pubblico a luglio 2005 ha sborsato 350 milioni di euro per i diritti dei Mondiali del 2010 in Sudafrica e 2014 in Sudamerica (tutte le piattaforme tv, anche il satellitare che andrà a SKY, e la radio) che torneranno interamente in chiaro. Dal 2006 Rai Uno trasmetterà, dopo tanti anni, le partite della Champions League, di cui si è assicurata i diritti in chiaro fino al 2009 (1 partita il mercoledì ma senza l'esclusiva, la finale e gli highlights delle altre partite). Nel 2008 trasmetterà in esclusiva gli Europei di Calcio del 2008. Dopo le polemiche tra il Cda Rai e il Presidente della Lega Calcio Antonio Matarrese, Rai Uno trasmetterà tutte le partite di Coppa Italia, con orari determinati. Inoltre nel 2009 la Rai trasmetterà le partite dell'Italia nella Confederation Cup, dove gli azzurri sono presenti per la prima volta.

Su Raiuno vanno in onda la Formula 1, seguita soprattutto per le gesta della Ferrari: il contratto firmato con Ecclestone per la messa in onda dei gran premi scadrà nel 2012.

 Annunciatrici

Dopo la lunga attività svolta dalle signorine buonasera, attualmente i programmi vengono annunciati da Barbara Matera ed Elisa Silvestrin.

 Voci correlate

 Collegamenti esterni


Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Rai_Uno"