Partito Repubblicano Italiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Avvertenza per le pagine tratte da Wikipedia

 
Partito Repubblicano Italiano
 
 
Partito politico italiano
 
Leader Francesco Nucara
 
Fondazione 12 aprile 1895
Sede
 
Coalizione Casa delle Libertà
Ideologia Repubblicanesimo, liberalismo
In Parlamento 2 deputati, 1 senatore
Partito europeo Partito Europeo dei Liberali, Democratici e Riformatori
 
Organo ufficiale La Voce Repubblicana
Sito internet www.pri.it

Il Partito Repubblicano Italiano (PRI) è il più antico partito politico italiano ed è l'unico ad aver sempre mantenuto immutati nome, simbolo ed ideali. Il primo congresso si svolse a Bologna il 12 aprile 1895.

Attualmente aderisce alla coalizione del centrodestra italiano, denominata Casa delle Libertà, in stretto rapporto con il movimento politico di Forza Italia. Il suo segretario nazionale è Francesco Nucara.

Indice

[nascondi]

[modifica] Storia

[modifica] Epoca monarchica: dall'Unità al 1946

Stubby
Questa sezione è solo un abbozzo. Se puoi, contribuisci adesso ad ampliarla.

[modifica] Epoca repubblicana: dal 1946

Nel settembre 1946, pochi mesi dopo le elezioni per l'Assemblea Costituente, si verifica l'evento che caratterizzerà il PRI per tutti gli anni a venire: l'adesione al partito di Ugo La Malfa, già esponente di spicco del Partito d'Azione.

[modifica] Le prime elezioni repubblicane del 1948 e l'alleanza di centro

All'indomani delle elezioni del 1948, con la segreteria di Randolfo Pacciardi, il PRI si sposta al centro. L'alleanza con il centrismo dura fino al 1957, quando i repubblicani ritirano l'appoggio esterno al governo Segni; Randolfo Pacciardi, messo in minoranza, lascia la direzione del partito. Nel 1959 Ugo La Malfa assume la direzione de "La Voce Repubblicana". Nel 1965 diventa segretario del partito.

[modifica] Anni sessanta e settanta: la guida di Ugo La Malfa

Dai primi anni sessanta il PRI rientra stabilmente nella maggioranza di governo. Tale collaborazione andrà in crisi nel 1974, per dissidi in materia di politica economica. In quell'anno, infatti, La Malfa esce, e con lui il PRI, dalla maggioranza per insanabili divergenze sulla politica economica col ministro del Bilancio. Il politico siciliano era fautore di una gestione rigorosa della finanza pubblica, basata su scelte capaci di privilegiare gli investimenti piuttosto che le spese.

Nei primi mesi del 1979, il capo dello Stato affida a Ugo La Malfa l'incarico di formare il nuovo governo. È la prima volta dal 1948 che un politico non democristiano riceve l'incarico. Il tentativo però non riesce, e il 21 marzo viene varato il quinto governo Andreotti, del quale la Malfa è comunque vicepresidente. Cinque giorni dopo La Malfa muore, colto da un male improvviso. In settembre il Pri elegge Bruno Visentini presidente e Giovanni Spadolini segretario del partito.

[modifica] Anni ottanta: Spadolini e la nascita del pentapartito

Negli anni ottanta Spadolini prima e il figlio di Ugo, Giorgio La Malfa poi, legano il PRI al pentapartito, che dal 1983 al 1990 governa l'Italia. Il PRI romperà con la maggioranza nel 1991 in merito alla "legge Mammì" sulle telecomunicazioni.

Gli avvenimenti più importanti degli anni ottanta possono esser così riassunti.

Nel giugno 1981 Giovanni Spadolini diventa il primo presidente non DC del Consiglio dei ministri dal 1948. Spadolini assume la direzione de "La Voce Repubblicana". Nel 1983 il PRI raccoglie con Spadolini oltre il 5% dei voti, massimo storico del partito.

Nel luglio 1987, all'indomani delle elezioni politiche del 14 giugno, Giovanni Spadolini viene eletto alla carica di presidente del Senato. Il 12 settembre dello stesso anno il Consiglio nazionale elegge il suo successore: il nuovo segretario politico del PRI è Giorgio La Malfa.

[modifica] Anni novanta: Giorgio La Malfa segretario

La Malfa porta i repubblicani all'opposizione, non partecipando al governo Andreotti VII (1991), e facendosi portabandiera della questione morale. Dopo lo scoppio di Tangentopoli lo stesso La Malfa risulterà momentaneamente indagato e lascerà l'incarico di segretario che sarà assunto per qualche mese da Giorgio Bogi. Bogi mira a guidare il partito all'interno di una più ampia coalizione di centrosinistra in Alleanza Democratica, ma la linea non è condivisa da tutto il partito.

Nel gennaio 1994, con La Malfa tornato segretario, il partito sceglie di collocarsi al centro, nella coalizione del Patto per l'Italia di Segni e Martinazzoli. Nella quota maggioritaria però nessun seggio va ai repubblicani. Nella quota proporzionale il PRI presenta candidati nelle liste del Patto Segni e risulta eletta solo una esponente repubblicana, Carla Mazzuca Poggiolini. L'ipotesi centrista di fatto fallisce. Con la "discesa in campo" di Berlusconi molti ex-repubblicani aderiscono a Forza Italia. Ha inizio una diaspora repubblicana:

Alle elezioni europee del 1994 il PRI si ripresenta col proprio simbolo e raccoglie lo 0,7% dei voti che consentono al segretario La Malfa di entrare nell'europarlamento.

[modifica] L'adesione all'Ulivo

Nel 1995 il PRI entra nell'Ulivo. Preso atto dell'impossibilità di dar vita a un'alternativa centrista, il partito repubblicano, così come il Partito Popolare Italiano, decide di avvicinarsi alle forze di centrosinistra con l'intento di creare uno schieramento di unità nazionale che sappia affrontare i problemi del paese. Nel frattempo in Parlamento La Malfa riesce a ricostituire una piccola presenza repubblicana: due deputati di origine repubblicana, eletti nelle file dei Progressisti, accettano di tornare nel PRI: si tratta di Luciana Sbarbati e Denis Ugolini. La deputata Carla Mazzuca Poggiolini invece non accetta di lasciare Segni e quindi esce dal partito.

Alle elezioni politiche del 1996, il PRI si presenta quindi nell'alleanza di centrosinistra (nel maggioritario) e con la lista composita Partito Popolare Italiano-Unione Democratica (nella quota proporzionale), sostenendo la candidatura di Romano Prodi a capo del Governo. Due sono i deputati eletti: Luciana Sbarbati e Giorgio La Malfa che subito abbandonano il progetto dell'Unione Democratica di Maccanico (cui aderivano anche Alleanza Democratica e i liberali di Valerio Zanone) e scelgono di andare nel gruppo misto. Nel corso della legislatura poi i due deputati repubblicani si uniranno al gruppo di Rinnovamento Italiano per poi distaccarsene formando un piccolo gruppo denominato "Federalisti, Liberaldemocratici e Repubblicani" con l'adesione al partito anche del deputato Gian Antonio Mazzocchin.

Nel 1997-98 tra gli esponenti ex-repubblicani che non accettano la scelta di centrosinistra del partito nasce un piccolo movimento guidato da Armando Corona (esponente della Massoneria) denominato Unità Repubblicana (adotta come simbolo tre foglie di edera, una verde, una bianca e una rossa) che si colloca nel centrodestra, vicino a Forza Italia. Il movimento nel 1998 aderirà per breve tempo al progetto dell'UDR (Unione Democratica per la Repubblica), ma se ne distaccherà dopo la scelta dell'UDR a favore del Governo D'Alema I, confermando una scelta di centrodestra.

[modifica] L'ingresso nella Casa delle Libertà

A fine legislatura (dopo cinque anni di governi dell'Ulivo a guida Prodi, D'Alema e Amato) il PRI cambia schieramento: il XLII congresso del partito, che si svolge a Bari nel gennaio del 2001, decreta l'adesione alla Casa delle Libertà.

L'on. Luciana Sbarbati, in aperta polemica con i vertici del PRI per questa decisione, esce dal partito alla guida di un piccolo gruppo di scissionisti (5% dei voti congressuali) che daranno vita al Movimento Repubblicani Europei, alleato del centrosinistra ed oggi membro della Federazione dell'Ulivo.

Alla scissione a sinistra corrisponde però anche un recupero di attrattiva verso destra: in seguito alla scelta di centrodestra riconfluiscono nel PRI gli esponenti del movimento di Unità Repubblicana, tra cui il leader Armando Corona.

[modifica] La segreteria di Nucara e l'ingresso nel governo

Il 6 ottobre 2001 Giorgio La Malfa, dopo 14 anni, lascia la segreteria del partito per assumerne la presidenza. Il consiglio nazionale del partito elegge come nuovo segretario nazionale l'on. Francesco Nucara.

Ad ottobre del 2002 il XLIII Congresso nazionale del partito che si svolge a Fiuggi conferma le scelte del congresso di Bari e la collocazione del partito nell'alleanza della CdL. A giugno del 2003, riprendono le pubblicazioni de "La Voce Repubblicana", sotto la direzione di Francesco Nucara.

Nel maggio 2004 piove una tegola sul partito da parte della magistratura. Il tribunale di Roma, infatti, annulla temporaneamente i risultati del congresso del 2001 per un presunto mancato rispetto dello statuto del partito. Tali risultati, confermati dal successivo congresso di Fiuggi, saranno infine convalidati dal tribunale.

Nell'aprile 2005, a seguito della crisi di governo determinata dalla sconfitta della CdL alle elezioni regionali, il PRI acquista maggiore visibilità nel nuovo esecutivo: La Malfa viene nominato ministro per le Politiche Comunitarie e Nucara vice-ministro per l'Ambiente.

Nell'ottobre 2005, all'indomani dell'approvazione della nuova legge elettorale proporzionale, ci sono alcune frizioni con la coalizione: il PRI contesta alcuni aspetti della normativa (decisa contro il suo avviso) e cala il gelo nei rapporti con gli alleati, in attesa della conferenza programmatica del 3 febbraio 2006, dove interviene lo stesso Berlusconi con un saluto ed il PRI riconferma la sua alleanza con la CdL ed avvia un legame elettorale con Forza Italia.

Intanto, proprio in vista delle nuove elezioni politiche del 2006, il PRI ottiene il riconoscimento dell'esclusività del simbolo dell'edera: il Tribunale di Roma emette un'ordinanza vietando al Movimento Repubblicani Europei e ai Repubblicani Democratici l'uso contemporaneo del simbolo dell'edera e della parola "Repubblicani", che resta diritto esclusivo del PRI.

[modifica] Le elezioni politiche del 2006

In occasione delle Politiche 2006 si crea un rapporto elettorale tra PRI e Forza Italia, che gli garantisce un diritto di rappresentanza parlamentare ospitando candidati repubblicani nelle proprie liste alla Camera dei Deputati. Al Senato, il PRI si presenta in alcune regioni con liste e simbolo propri, ma vi è comunque un candidato nelle liste di FI, il senatore uscente Antonio Del Pennino, nella circoscrizione regionale della Lombardia. Il dato complessivo del partito al Senato è di poco più di 45.000 voti pari allo 0,3% (va però considerato che era presente solo in alcune regioni). Questo l'andamento della lista nelle regioni in cui è stata presente, in nessuna supera lo sbarramento necessario per eleggere senatori: il risultato maggiore è lo 0,6% registrato in Calabria.

Il PRI elegge i due deputati repubblicani inseriti a fini elettorali nelle liste di FI, il presidente La Malfa e il segretario Nucara, ma anche il senatore Antonio Del Pennino (anch'egli inserito nella lista di FI), dopo la rinuncia all'elezione di Roberto Formigoni (in quanto presidente della Regione Lombardia), il 12 luglio 2006 rientra in Senato poiché era il primo dei non eletti. Si completa così l'elezione dei tre parlamentari repubblicani previsti.

[modifica] Le dimissioni di La Malfa

Una bufera nel partito si scatena in occasione del referendum costituzionale del giugno 2006, quando Giorgio La Malfa si dissocia dalla delibera della maggioranza della direzione nazionale che dà indicazione di seguire l'orientamento della Casa delle Libertà di votare "Sì" alla riforma federalista. La Malfa è contrario all'approvazione della riforma costituzionale e, di conseguenza, presenta le proprie dimissioni da presidente del partito, con queste motivazioni:

Collabora a Wikiquote
«Non sono d'accordo con questa decisione. Avevo ricordato che nel corso dell'esame parlamentare avevamo espresso un motivato parere contrario al testo elaborato, senza nostra partecipazione diretta, dai rappresentanti di Forza Italia, An, Udc e Lega, e non avevamo, di conseguenza, espresso un voto favorevole a quel testo. Per questo motivo ritenevo e ritengo che non sia possibile per noi modificare quel giudizio. Faccio osservare che la materia costituzionale riveste per il nostro partito -­ che è l'unico fra quelli della Costituente che tuttora vive ­- una rilevanza particolare.»

Va comunque notato che il Partito, pur avendo dato indicazione di voto, aveva lasciato libertà di scelta ai propri iscritti.

A luglio il Consiglio Nazionale del Partito "prende atto" dell'irrevocabilità delle dimissioni di La Malfa dalla carica di Presidente (carica peraltro non prevista dallo statuto), dopo che il segretario Nucara gli aveva scritto una lettera per chiedere di ritirare le proprie dimissioni e dopo che il Consiglio Nazionale unanimemente gli aveva fatto direttamente la stessa richiesta. Nucara in Consiglio Nazionale delinea una nuova linea del partito, sostenendo che è "l'ora della tuta":

Collabora a Wikiquote
«Ora è il tempo che qualcuno o molti dismettano gli abiti delle feste quirinalizie e indossino la tuta da lavoro. Il nostro riferimento deve essere la casa comune europea dell'ELDR. Finora abbiamo sottovalutato questa opportunità. Oggi dobbiamo ripartire da lì e trovare con i liberaldemocratici europei un'intesa che ci porti "a pensare europeo" ed a calare nelle nostre teste e in quelle degli italiani un pensare europeo.»

Tale linea si avvicina nettamente (fin quasi a coincidere) alle posizioni espresse da La Malfa e, anche se in maniera minore, a quelle dalla minoranza interna, riaprendo anche le porte ai transfughi.

[modifica] Risultati elettorali

Immagine:PRI.gif – PRI alle Elezioni Politiche
Elezione Parlamento Voti % Seggi
1946


1948


1953


1958


1963


1968


1972


1976


1979


1983


1987


1992


1994 (con AD)


1996 (con L'Ulivo)


2001 (con la CDL)


2006
Costituente

Camera
Senato (con US)

Camera
Senato

Camera (con il PR)
Senato

Camera
Senato

Camera
Senato

Camera
Senato

Camera
Senato

Camera
Senato

Camera
Senato

Camera
Senato

Camera
Senato

Camera
Senato

Camera
Senato

Camera
Senato

Camera
Senato (solo in alcune regioni)
1.003.007

652.477
607.792

437.988
262.484

405.574
-

420.419
-

626.567
620.658

954.597
917.989

1.134.936
846.505

1.110.209
1.052.772

1.874.512
1.452.912

1.429.628
1.248.641

1.722.465
1.562.139

-
-

-
-

-
-

-
45.133
4,4

2,5
2,7

1,6
1,0

1,4
-

1,4
-

2,0
2,2

2,9
3,0

3,0
2,7

3,0
3,4

5,1
4,7

3,7
3,9

4,4
4,7

-
-

-
-

-
-

-
0,1
23

9
4

5
0

8
0

6
0

9
2

15
5

14
6

16
6

29
10

21
8

27
10

8
7

2
2

1
1

2 (in F.I.)
1 (in F.I.)
Immagine:PRI.gif – PRI alle Elezioni Europee
Elezione Parlamento Voti % Seggi
1979

1984 (con PLI)

1989 (con PLI e Federalisti)

1994

1999

2004 (con Liberal Sgarbi)
Parl. Europeo

Parl. Europeo

Parl. Europeo

Parl. Europeo

Parl. Europeo

Parl. Europeo
895.558

2.136.075

1.533.053

223.099

168.620

232.799
2,6

6,0

4,4

0,7

0,5

0,7
2

5

4

0

1

0

[modifica] Governi della Repubblica cui ha preso parte il PRI

Negli anni 1947-53 (Governi De Gasperi IV, V, VI e VII) Quattro ministeri:

  1. Carlo Sforza al Ministero degli Esteri fino al Governo De Gasperi VI. Firma il Trattato di pace con gli alleati e contribuisce all’adesione dell’Italia al Piano Marshall, al Patto Atlantico (4 aprile 1949) e al Consiglio d’Europa (5 maggio 1949). Conduce i negoziati e firma per l'Italia il 18 aprile 1951 il trattato istitutivo della Comunità europea del carbone e dell'acciaio (CECA).
  2. Giuseppe Facchinetti al Ministero della Difesa nel Governo De Gasperi IV, sostituito da Randolfo Pacciardi nel De Gasperi V.
  3. Ugo La Malfa è Ministro senza portafoglio nel Governo De Gasperi VI e Ministro per il Commercio Estero nel De Gasperi VII.

Nella terza Legislatura (1953-1958) il PRI offre il suo appoggio esterno. Il PRI rientra nel governo quando diventa chiara l'intenzione della DC di rinunciare all'alleanza con la Destra. Rimarrà nella maggioranza per tutti gli anni sessanta.

Ugo La Malfa è Ministro del Bilancio e della programmazione economica. Amintore Fanfani e La Malfa lanciano: a) la nazionalizzazione delle industrie elettriche; b) l'imposta cedolare d'acconto (il repubblicano Bruno Visentini ebbe un ruolo importante nella preparazione tecnica di questa imposta); c) la Commissione della programmazione economica. Infine, per affrontare la questione degli squilibri settoriali e territoriali, Ugo La Malfa propone per primo l'avvio di una "politica dei redditi".

Ugo La Malfa Ministro del Tesoro (fino al 28/02/1974)

Bruno Visentini ministro delle Finanze e Giovanni Spadolini Ministro dei Beni Culturali e Ambientali (primo della storia)

Ugo La Malfa Vicepresidente del Consiglio e Ministro del Bilancio. Dopo la sua scomparsa (26/3/1979) è sostituito al Bilancio da Bruno Visentini. Giovanni Spadolini Ministro della Punbblica Istruzione (primo non DC della storia repubblicana)

Il primo governo della Repubblica non guidato dalla DC.

Bruno Visentini ministro delle Finanze Giovanni Spadolini Ministro della Difesa

Tre ministeri: Riforme istituzionali, con Antonio Maccanico, Industria, con Adolfo Battaglia, Poste e telecomunicazioni con Oscar Mammì.

Guglielmo Negri sottosegretario alla Presidenza per i rapporti con il parlamento.

Francesco Nucara, sottosegretario al Ministero dell'Ambiente.

Giorgio La Malfa, Ministro senza portafoglio alle Politiche comunitarie, e Francesco Nucara, viceministro dell'Ambiente.

[modifica] Segretari

dal 1895 al 1945:

Stubby
Questa sezione è solo un abbozzo. Se puoi, contribuisci adesso ad ampliarla.

dal 1945:

[modifica] Congressi

Stemma della Repubblica Italiana Partiti politici italiani Bandiera italiana
Partiti rappresentati in Parlamento Altri movimenti e partiti alleati
L'Unione L'Ulivo (Democratici di Sinistra - La Margherita)
Partito della Rifondazione Comunista - Socialisti Democratici Italiani
Radicali Italiani - Partito dei Comunisti Italiani - Federazione dei Verdi
Italia dei Valori - Popolari UDEUR
Regionali: SVP - PDM - ALD
Lista Consumatori - I Socialisti - PSDI - MRE - Democrazia Cristiana - Consumatori Uniti - Democratici Cristiani Uniti - Partito Democratico Cristiano - Fed. Liberali - Fed. Liberaldemocratici - Radicali di sinistra - Repubblicani Democratici - Nuovo Partito d'Azione.
Regionali: Vallée d'Aoste Vive - Lega Alleanza Lombarda - Liga Fronte Veneto - Progetto Sardegna.

Casa delle Libertà Forza Italia - Alleanza Nazionale - Lega Nord
DC per le Autonomie - Nuovo PSI
Movimento per l'Autonomia
Fiamma Tricolore - Azione Sociale - PRI - PLI - Partito Pensionati - Riformatori Liberali - No Euro - Centro Popolare Europeo - Verdi Verdi - Italia di Nuovo - S.O.S. Italia - Liberal Sgarbi - PND - Pensionati Uniti - Patto Cristiano Esteso.
Regionali: Nuova Sicilia - Patto per la Sicilia - Riformatori Sardi - Unitalia.

Altri Associazioni Italiane in Sud America - Italia di Mezzo - UDC - Italiani nel Mondo - Alleanza Monarchica - Destra Nazionale - Democrazia Attiva - DC Scudo Crociato Libertas - Forza Nuova - Fronte Sociale Nazionale - Italia Moderata - Lega Sud Ausonia - MFL - MIS - PCI-ML - PCL - Partito d'Azione Liberalsocialista - PMLI - Partito Umanista - Patto dei Liberaldemocratici - Per il Sud - PdAC - Rifondazione DC.
Regionali: Alleanza Siciliana - Demokratische Partei Südtirol - Die Freiheitlichen - Indipendèntzia Repùbrica de Sardigna - Ladins - Movimento per l'Indipendenza della Sicilia - Partito Sardo d'Azione - Progetto Nordest - Sardigna Natzione - Union für Südtirol - Union Valdôtaine.
Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Partito_Repubblicano_Italiano"