Canale 11

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Avvertenza per le pagine tratte da Wikipedia

Canale 11
[[image: ]]
Anno di lancio: 2003
Anno di chiusura:
Share di ascolti: ( )
Posseduto da: Piazza Piero
Nomi precedenti: Telerenate (1983), Brianzasei (1984), Tele Monza Brianza (1999)
Sostituisce:
Canali gemellati:
Servizio di differita:
Indirizzo web: www.canale11.it
Diffusione
Terrestre
Analogico PAL, in Italia
Digitale DVB-T (sul mux Canale 11), in Italia
Satellitare
Via cavo


Via rete cellulare
Streaming web


Canale 11 è una emittente locale con sede a Correzzana (MI) che copre uno stretto bacino d'utenza, corrispondente alla fascia della Brianza milanese. L'attuale denominazione è stata assunta nel 2003 e mantenuta tale da ormai quattro anni. Fa parte del circuito di emittenti associate al canale satellitare SAT2000.

Indice

[nascondi]

 Storia

Gli albori

L'emittente nasce come Telerenate, espressione dell'omonimo centro brianzolo (Renate), nel 1984. L'anno seguente lascia la denominazione, definita troppo locale, e si trasforma in Brianzasei. Gli iniziali impianti di trasmissione erano situati a Barzanò (450 metri d'altezza) e sul tetto del collegio De Amicis di Cantù, occupando tre canali di frequenza (il 30, il 47 e il 60). Nel 1997 l'UHF 47 viene ceduto a Rete 55; stessa sorte toccò nel 2002 al 60, passato a Primarete Lombardia. Nel 1999 si trasforma in Tele Monza Brianza e acquista l'esclusiva per le partite interne ed esterne del Calcio Monza e della Fiammamonza, mandando in onda la trasmissione Brianza Sport condotta dal noto giornalista di fede biancorossa Giancarlo Besana.

 Andenna, Tortorella e il progetto Family TV

Nel 2003 arriva la svolta per la piccola emittente : la proprietà viene rilevata da Cino Tortorella ed Ettore Andenna e gli studi di produzione trovano posto a Paderno Dugnano nel nord dell'hinterland milanese. Viene dato il via a Family TV, un progetto nato con l'intenzione di creare una televisione a misura di famiglia, ma i problemi iniziano con lo spostamento dei ripetitori in Valcava : l'emittente avrebbe potuto andare sui 1200 metri bergamaschi a patto che il segnale non avesse provocato disturbi alla postazione di Telelombardia del Monte Calenzone, spostando il cono d'ombra più a nord rispetto al capoluogo lombardo. All'inizio del mese di marzo del 2004 viene dimostrata la non ottemperanza della disposizione, rilevando una potenza maggiore del previsto nel centro di Milano, e viene spenta la postazione. Numerosi articoli nei giorni seguenti portano alla ribalta la vicenda, estendendo l'interesse a livello nazionale. Cino Tortorella addirittura proclama uno sciopero della fame (poi mai messo in atto) e chiede l'aiuto dell'allora ministro delle telecomunicazioni Maurizio Gasparri. Il ministro accoglie la richiesta di Mago Zurlì ma riduce il bacino d'utenza, tornando a quello d'origine, e cioè la parte nord della Brianza

L'abbandono del progetto e il ritorno all'origine

Alla fine Cino Tortorella abbandona definitivamente il progetto Family TV : il bacino d'utenza concesso dal ministero viene ritenuto insufficiente (soprattutto per l'esclusione della città di Milano) e nel 2005 avviene il ritorno a Correzzana. Nel palinsesto tornano i consueti programmi sportivi e l'informazione locale. Le autoproduzioni manifestano ancora un carattere amatoriale e il segnale è molto disturbato anche nella zona di propria competenza

 Dati dell'emittente

 

Frequenze e zona di copertura

Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Canale_11"